06 ottobre 2007

De mirabilibus mundi


“Trovai una spiegazione illuminante nel sesto libro dei Naturalia di Avicenna, in cui si dice che è insita nell’anima umana una certa proprietà di cambiare le cose, e che le altre cose le sono soggette; e precisamente quando essa è trascinata a un grande eccesso di amore o di odio o qualcosa di analogo. Se quindi l’anima di un uomo cade in preda ad una grande eccesso di una qualche passione, si può stabilire sperimentalmente che l’eccesso costringe le cose e le cambia nella direzione verso cui tende. (…) Chiunque può influenzare magicamente ogni cosa, se cade preda di un grande eccesso…e allora lo deve fare precisamente in quella ora in cui l’eccesso lo aggredisce e agire con le cose che l’anima gli prescrive. Infatti l’anima è allora così bramosa della cosa che vuole causare, che afferra anche da sé l’ora più importante e migliore che ‘comanda’ anche alle cose che più convengono a quell’effetto”.
Alberto Magno, De mirabilibus mundi

2 Comments:

At 10/10/07 17:13, Anonymous rita r florit said...

Ti ringrazio del prezioso dono...sei molto cara! Chiedo il permesso di portare questo post su medicamenta insieme al tuo link...
Un bacio in attesa di rivederti

rita

 
At 10/10/07 17:17, Anonymous rita said...

ooopsss...vedo ora la foto, forse è troppo personale :-)
ma ti linko ugualmente!

 

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home