08 ottobre 2008

Sacra itinera -3


La terra e a lei concorde il mare
e sopra ovunque un mare più giocondo
per la veloce fiamma dei passeri
e la via
della riposante luna e del sonno
dei dolci corpi socchiusi alla vita
e alla morte su un campo;
e per quelle voci che scendono
sfuggendo a misteriose porte e balzano
sopra noi come uccelli folli di tornare
sopra le isole originali cantando:
qui si prepara
un giaciglio di porpora e un canto che culla
per chi non ha potuto dormire
sì dura era la pietra,
sì acuminato l'amore.

(Natura, Mario Luzi)

Etichette: , ,

1 Comments:

At 10/10/08 23:29, Blogger LEO said...

chapeau per Luzi.

ho presentato secondo i crismi dovuti il tuo blog su "Geomythology".
Spero di non aver errato in nulla!

A presto!

 

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home