20 luglio 2007

Diario Bizantino I (Cristina Campo)

La soglia, qui, non è tra mondo e mondo
né tra anima e corpo,
è il taglio vivente ed efficace
più affilato della duplice lama
che affonda
sino alla separazione
dell’anima veemente dal corpo delicato
– finché il nocciolo ben spiccato ruoti dentro la polpa –
e delle giunture degli ossi
e dei tendini dalle midolla:
la lama che discerne del cuore
le tremende intenzioni
le rapinose esitazioni

Due mondi – e io vengo dall’altro.

2 Comments:

At 21/7/07 14:04, Anonymous alfredo said...

Bella poesia. Gli stessi motivi della soglia come lama si ritrovano in Celan.

a.

http://lessness.splinder.com/post/13165102/Soglia+%E2%80%93+Seuil+%E2%80%93+Sill+-+Sc

 
At 10/3/10 22:42, Anonymous Daniele said...

Credo che la lama in questione sia quella di cui parla la Lettera agli Ebrei. Cristina Campo aveva molta dimestichezza con le Scritture...

 

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home