16 luglio 2007

Pe' vvede si una ne ll'anno nôvo che vviè, sposerà.

Regazze mie, er primo ggiorno de ll'anno nôvo, annate su la porta de casa, pijate una ciavatta, e bbutattela o su' ripiano der primo capo de le scale, oppuramente de fôra der portone.
Si la punta de la scarpa o dde la ciavatta, in der cascà che ffà pper ttèra, arimane arivortata verso la porta o er portone de casa che ssia, allora è segno che puro drento l'anno nôvo nu' sposate; ma ssi la punta de la ciavatta arimane vortata verso l'uscita, allora è ssegno che ddrento l'anno ve maritate certamente.
(Giggi Zanazzo - Usi, Costumi e Pregiudizi del popolo di Roma, 1907)

0 Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home